Il K2, conosciuto anche come Monte Godwin-Austen, posto nel gruppo del Karakorum appartenente alla catena dell’Himalaya, è con i suoi 8.609,02 metri di altitudine, la seconda montagna più alta della Terra dopo l’Everest.

Si trova proprio al confine tra la parte del Kashmir controllata dal Pakistan e la Provincia Autonoma Tagica di Tashkurgan controllata dalla Cina.

Il nome K2 sta per Karakorum 2, cioè “seconda cima del Karakorum”, e fu assegnato alla montagna dal colonnello Thomas George Montgomerie, membro del gruppo guidato dal geografo Henry Haversham Godwin-Austen, che effettuò i primi rilevamenti nel 1856.

Il “2” nacque in effetti da un errore di misurazione dell’altezza della cima: infatti il nome K1 venne inizialmente dato al monte Masherbrum, che invece è considerevolmente più basso, ma per pura coincidenza il numero “2” corrispondeva alla posizione della montagna nella lista delle cime più alte del mondo e questo ne ha giustificato il suo mantenimento anche in seguito.

Per la sua difficoltà alpinistica e per l’alta mortalità fra molti di coloro che hanno tentato l’impresa, il K2 è conosciuto anche come “la Montagna Selvaggia”.

Il grande ed autorevole scalatore Reinhold Messner, indica che si tratta addirittura dell’ottomila più difficile da scalare e la sua opinione è condivisa anche da altri personaggi del settore.

La sua difficoltà estrema deriva da diversi fattori: l’estrema ripidezza di tutti i suoi versanti, la presenza di tratti di arrampicata molto impegnativi e pericolosi in prossimità della vetta e l’assenza quasi totale di posti adatti ad un campo.

L’ascensione del K2 è dunque, di gran lunga più difficoltosa di quella dell’Everest, i cui pendii sono molto meno ripidi e affrontabili anche da alpinisti non perfettamente esperti e addestrati, purché equipaggiati con abbigliamento adatto alle bassissime temperature e con respiratori a ossigeno per superare l’elevata rarefazione dell’aria in quota.

La cima fu raggiunta per la prima volta da Achille Compagnoni e Lino Lacedelli il 31 luglio 1954, all’interno della spedizione italiana guidata da Ardito Desio.

Per questo motivo è conosciuta anche come “La montagna degli italiani”.

La latitudine del K2 è di 8° più a nord dell’Everest, il che, se da una parte affievolisce l’impeto del monsone, dall’altro rende il clima più rigido e più difficilmente prevedibile: la montagna è infatti spesso soggetta a bufere violentissime della durata di diversi giorni, che in certi anni hanno impedito di raggiungere la vetta per l’intera stagione.

L’avvicinamento dal versante pakistano comporta diverse tappe e richiede, a volte, oltre due settimane di percorrenza, comunque rispetto al versante cinese, quello pakistano resta il più conosciuto e frequentato.

Il trekking di avvicinamento parte normalmente da Rawalpindi o da Islamabad, da dove ci si trasferisce in aereo a Skardu, nel nord del Pakistan.

Poi ci si reca, di solito con mezzi fuoristrada, al villaggio di Askole, da dove si prosegue a piedi.

Durante la marcia di avvicinamento si incontrano diversi paeselli e campi attrezzati, tra cui: Korophone, Jhula, Bardumal, Paiju, Khuburse, Urdukas e Goro.

Il K2, però, non si mostra fino a che non si giunge al Circo Concordia, punto d’unione dei ghiacciai Baltoro, Abruzzi e Godwin-Austen (4.720 m), da dove appare all’improvviso come un enorme cono che si staglia nel cielo e sovrasta le vette circostanti.

Possiamo aggiungere però che lo Sperone Abruzzi, è la via più usata in assoluto e deve il suo nome a Luigi Amedeo di Savoia-Aosta, Duca degli Abruzzi, che la aprì nel 1909.

Tale via segue la cresta sud-est e comincia a 5.400 metri, luogo dove si può installare un campo base avanzato nei pressi del ghiacciaio Godwin-Austen.

Attorno alla cima inoltre vivono diversi popoli di etnie e culture diverse, accomunate dal vivere da secoli in ambienti estremi con economie di sussistenza di tipo agricolo e pastorizio, come i Balti, gli Hunzakut, i Kirghisi e i Wakhi.

Fin dalle prime spedizioni, sicuramente il contributo dato da questi popoli agli scalatori, è stato indispensabile.

Per concludere quindi siamo di fronte alla scalata più difficile da affrontare, quindi non è un’impresa adatta a tutti, ma solo per coloro che vantano anni di esperienza e sono altamente preparati a muoversi in luoghi impervi e dal clima proibitivo.

Se volete conoscere tutti i nostri tour in Pakistan cliccate qui!

 

 

 

Altri viaggi che potrebbero interessarti

Durata: 13 giorni / 12 notti

da € 2.342 - Voli esclusi

Durata: 8 giorni / 7 notti

da € 990 - Voli esclusi

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.120 - Voli inclusi

Durata: 7 giorni / 6 notti

da € 1.040 - Voli esclusi

Articoli che potrebbero piacerti

Scoprite con noi il magnifico Adam’s Peak in Sri Lanka, un luogo di pellegrinaggio per buddisti, induisti, musulmani e cristiani. Infatti il santuario che sorge sulla sua vetta, custodisce una grande rientranza rocciosa, ritenuta sacra, la cui forma ricorda da vicino l’orma lasciata da un piede.

Se amate il trekking, allora dovete provare la scalata al monte Fan Si Pan, il più alto dell’Indocina!

Non perderti le nostre offerte!

Espressione del consenso al trattamento dei dati personali: Procedendo con la compilazione e con l'invio di questo modulo, Lei acconsente al trattamento dei dati personali da Lei forniti per la finalità e nei limiti indicati nell'informativa privacy del sito, ai sensi e per gli effetti del Regolamento (UE) 2016/679 (GDPR).

Go World S.r.l.
via Canale, 22 - 60125 Ancona
P.IVA, CF 02763050420 R.E.A. AN 213201
Capitale Sociale € 10.000
Premio Turismo responsabile Italiano 2011
Continua a seguirci su